Il blog di LifeStyle per eccellenza!

Come funziona e cosa è una Vacanza Studio

43

Quando si nomina una vacanza studio saltano alla mente le più disparate immagini di ragazzi che si divertono e fanno di tutto meno che studiare. In effetti si tratta un po’ di un pretesto nato sulla scorta dell’Erasmus, il progetto europeo di interscambio culturale tra studenti che prevede il trasferimento per alcuni mesi in altre città d’Europa. Il fine di una vacanza studio è generalmente quello di migliorare una lingua straniera e, a differenza dell’erasmus, ha una durata decisamente minore: tra le 2 e le 4 settimane. Generalmente la si fa nei mesi estivi quando regolari attività educative (scuola o università) siano in pausa o comunque esenti dall’obbligo.

Parliamoci chiaramente, come detto poco fa una vacanza studio è un pretesto per intascare qualche soldo dai genitori per andare in località straniere a fare baldoria e -ogni tanto- dedicarsi all’apprendimento della lingua locale.

Tendenzialmente si parla di vacanza studio facendo riferimento a fasce di età adolescenziali. Sono proprio gli adolescenti ad effettuarle, ed essendo questi ultimi minorenni, vengono spesso accompagnati da personale adulto e specializzato che permanga durate tutta la vacanza.

Le aziende che propongono questa formula sono numerose ma presentano, grossomodo, la medesima offerta formativa e intrattenitiva nel costo totale del pacchetto:

  • viaggio di andata e ritorno
  • transfert da e verso gli aeroporti di partenza e destinazione
  • corso di lingua straniera sostenuto in centri di riferimento
  • soggiorno in contesti alberghieri, residence e college o case-famiglia
  • vitto con trattamento di mezza pensione o pensione completa in base alla tipologia di permanenza notturna e gli accordi contrattuali
  • compresenza di partecipanti adulti che fungano non soltanto da guide ma anche da accompagnatori
  • assicurazioni di viaggio e di salute

Ulteriori attività

Nei prezzi delle vacanze vengono, non di rado, comprese attività extra-formative per il tempo libero che comprendono:

  • gite ed escursioni in parchi e zone naturali
  • entrate nei musei
  • visite a monumenti e luoghi di interesse

Attività di socializzazione tra studenti provenienti da differenti istituti per facilitare e velocizzare l’apprendimento e la messa in pratica della lingua studiata.

Destinazioni vacanze studio più consuete

Non è difficile immaginare che le destinazioni più richieste riguardino i luoghi in cui sia possibile apprendere e migliorare l’Inglese, la lingua del nuovo millennio, quella che tutti dovrebbero conoscere. Ecco che dunque il Regno Unito si piazza ai primi posti in termini di richieste: i corsi che vi si tengono verso istituti riconosciuti in ambito internazionale sono generalmente presso il Trinity College o il British Council. Londra è naturalmente in testa alla classifica delle località richieste anche se la scozia non è da meno. Sempre valida per la lingua inglese è poi l’Irlanda.

La Spagna riveste il proprio ruolo non di secondo grado, i corsi si tengono presso istituti noti come il Cervantes e le mete più richieste sono, oltre a Madrid e Siviglia, oltre a Barcellona in cui, tuttavia, la lingua di riferimento non sarà il classico Spagnolo o Castellano, ma il Catalano.

La Germania e la Francia con le scuole di formazione e immersione linguistica del Goethe e del Grenoble. Le rispettive mete di destinazione: Berlino e Parigi… non era difficile.

Per le tasche dei genitori maggiormente possibilitati vi sono poi gli Stati Uniti, il Canada, l’Australia e soltanto raramente i paesi orientali come Cina e Giappone.

Chi organizza le vacanze studio

Le vacanze studio possono essere organizzate da istituti no-profit che contribuiscano alla formazione ed educazione dei ragazzi, attraverso convenzioni statali e facilitazione in concomitanza a un contributo genitoriale; oppure da aziende private intenzionate a far business e in grado di fornire maggiore chiarezza sul programma sostenuto nel periodo di vacanza e numerose alternative in termini di attività e destinazioni.