Il blog di LifeStyle per eccellenza!

Abito da sera, come scegliere quello giusto

17

Nel mondo della moda, anche l’abito da sera ha alcune regole da seguire. Non sono così complicate come sembrano, ma ruotano tutte intorno ad alcuni punti focali come l’evento al quale si sta partecipando, la propria morfologia e la tonalità della pelle. Non è sempre facile riuscire a capire infatti quando un vestito da sera non si addice per nulla al tipo di cerimonia alla quale si sta prendendo parte. Il punto centrale della questione è comunque quello di rimanere noi stesse e rispecchiare le nostre preferenze coniugando moda e galateo nel miglior modo possibile.

Scegliere il colore giusto

Prima regola da seguire, universale e conosciuta pressoché da tutti: se si tratta di un matrimonio, non si devono utilizzare vestiti bianchi.

Se si ha la pelle chiara, inoltre, è preferibile utilizzare colori non troppo sgargianti come il giallo o il bianco, mentre con una pelle di porcellana – specie se si hanno i capelli scuri – un ottimo contrasto può essere creato dai colori come il rosso cremisi o il bordeaux e tutte le sfumature a loro associati, passando dal color irisé fino ai toni più rosati come il fucsia oppure anche toni più accesi e freddi come il verde smeraldo oppure il blu, sia cobalto che nei toni della notte.

Con la pelle scura, invece, è possibile osare con più range di colori proprio partendo dal bianco, che dà un tocco di classe in più creando un contrasto che impreziosisce una carnagione più ambrata. Via libera anche a colori come il giallo, il verde menta ed il rosa mentre sono da abolire i look total black o nei toni del marrone.

Scegliere la giusta tonalità in base al sottotono della nostra carnagione

Un consiglio in più che possiamo dare per essere sicuri di non sbagliare quando si sceglie il colore di un abito da sera è quello di controllare il sottotono della propria carnagione. Si tratta di un’operazione piuttosto facile: per verificare qual è il sottotono della nostra pelle basta controllare di che colori sono, ad esempio, le vene sui nostri polsi: se il loro colore vira tra il blu ed il viola, allora il sottotono della nostra pelle sarà freddo; questo implica che potremmo scegliere abiti dalle tonalità più fredde e che quindi vanno nel range del viola, blu, rosso borgogna e tutte le sfumature a loro associate. Se invece il colore delle nostre vene vira più verso il verde, allora ciò vuol dire che il sottotono della nostra pelle è caldo; in questo caso possiamo utilizzare colori più caldi come rosso acceso, arancione, giallo e le sfumature abbinate.

Caratteristiche dell’abito da sera

Come deve essere un abito da sera? Un tipo di abbigliamento di questo genere deve rispondere a dei requisiti non solo per quanto riguarda il colore ma, come abbiamo già detto, anche alla morfologia del proprio corpo e l’evento al quale si sta partecipando. Non sempre infatti un abito, per quanto elegante, si adatta bene alla cerimonia alla quale dobbiamo presentarci. Ad esempio, per un evento di lavoro che si svolge di sera, è meglio optare per un tailleur elegante piuttosto che un vestito corto e con le spalle scoperte. Molto dipende anche da chi dobbiamo incontrare.

 

L’abito da sera, per quanto concerne le donne, deve seguire universalmente una regola precisa ossia quella della lunghezza. Quello indossato durante le cerimonie serali dovrebbe essere preferibilmente lungo. Non magari fino a coprire le proprie scarpe, ma almeno che superi la lunghezza delle cosce.

Chiaramente molto dipende anche dall’età: se si è ancora molto giovani – teenagers, praticamente – allora si può chiudere un occhio a riguardo e far indossare un abito anche un po’ più corto, meglio però da abbinare ad un paio di scarpe non molto alte, risultando comunque adatto alla propria età. Se invece abbiamo superato i venticinque anni, meglio rimanere su abiti lunghi.

La scollatura

Se siamo poco prosperose, allora possiamo tranquillamente permetterci di utilizzare un abito con una scollatura sul davanti. Un seno più abbondante infatti, se abbinato ad una scollatura profonda, risulterebbe volgare. In questo caso perciò è meglio se optiamo magari per una scollatura posteriore, sulla schiena, oppure se proprio non vogliamo rinunciare alla scollatura anteriore potremmo scegliere uno scollo quadrato, che anche su un seno più prosperoso risulta essere comunque molto fine e di classe.

La silhouette

Veniamo alla parte più importante nella scelta di un abito da sera: la forma che deve avere per valorizzare il nostro fisico.

Se si ha un po’ di pancetta

In questo caso bisogna porre un po’ più di attenzione anche ai tessuti di cui sono fatti i vestiti da sera. Evitare assolutamente tessuti come il raso ed il satin che tendono ad evidenziare i chili di troppo. Generalmente è meglio preferire abiti che non fascino troppo la vita preferendo quelli con taglio impero. Se proprio però non vogliamo rinunciare ad un abito che presenti una vita più segnata, assicuriamoci di indossare un body o una panciera contenitiva sotto il vestito.

Se hai una linea dritta e fianchi poco segnati

In questo caso è meglio impreziosire la parte superiore del corpo: sì allora ad abiti taglio impero con dettagli impreziositi sul seno e sulle spalle, sì ad abiti con bretelline per un effetto semplice e classy.

Se hai un lato B importante

Scegli un abito da sera a tinta unita. Evita gli abiti a fantasia che tendono ad attirare l’attenzione sul lato B. Da evitare anche le scollature profonde sulla schiena, perché sposterebbero facilmente lo sguardo sul fondoschiena! Non esitare ad abbinare il tuo abito con un blazer lungo da sera.